La Cina inaugura un colossale Black Friday fiscale

Il governo di Pechino ha annunciato che taglierà dal primo dicembre le tasse sull'import in media del 10% su generi alimentari, farmaceutici, cosmetici e abiti. Borse positive. Euro super tonico e petrolio di nuovo in corsa.

Il governo di Pechino inaugura il Black Friday fiscale. Taglierà infatti le tariffe alle importazioni di 187 beni di consumo a partire dal primo dicembre prossimo. Lo ha annunciato oggi il ministero delle Finanze cinese in una nota. Le tariffe sui prodotti, che comprendono generi alimentari, farmaceutici, cosmetici e capi di abbigliamento passeranno da una media 17,3% attuale al 7,7%. Il lungo viaggio di Donald Trump in Asia sta facendo sentire gli effetti.

Intanto oggi l'Asia viaggia positiva dopo un avvio piuttosto volatile. Tokyo ha chiuso in rialzo dello 0,12%, Hong Kong alle ore 7:45 italiane saliva dello 0,56% e Shanghai alla stessa ora era piatta (+0,02%). Euro sempre forte sul dollaro a 1,1849 (stabile in Asia), yen un flessione dello 0,28% sul biglietto verde (111,52), oro in rintracciamento a 1.295 dollari per oncia (-0,14%). Il petrolio, invece è tornato a svegliarsi brillante: 58,43 dollari il barile (Wti americano, +0,77%) grazie anche alla debolezza del dollaro.

Tra i generi alimentari che andranno incontro a una riduzione delle tariffe in Cina c'è anche il latte in polvere per neonati, anni fa al centro di uno scandalo che ha portato a migliaia di bambini intossicati e che ha messo in imbarazzo il governo centrale. La decisione risponde alla crescita dei consumi interni, ha spiegato il Ministero delle Finanze e "si concentra sulla qualità e sulla specialità di prodotti di cui c'è grande domanda e che sono connessi alla vita quotidiana e che spesso non possono essere forniti localmente" e come obiettivo avrà quello di "aumentare le opzioni per i consumatori e sostenere un miglioramento delle forniture".

Tra i prodotti che godranno del nuovo regime tariffario ci sono anche pannolini, formaggi erborinati, macchine per il caffè e le attrezzature per lo sci, forse grazie all'interesse cinese a sostenere la diffusione degli sport invernali in vista delle Olimpiadi Invernali di Pechino 2022. La mossa sembra inserirsi nell'iniziativa di Pechino di maggiori aperture del proprio mercato interno e potrebbe avere come effetto quello di ridurre lo squilibrio commerciale con altri Paesi, che lamentano deficit commerciali nei confronti della Cina. A novembre del prossimo anno è previsto anche l'avvio della prima fiera dell'import in Cina, secondo quanto annunciato nei giorni scorsi dal ministro del Commercio, Zhong Shan.

Intanto oggi il Giappone invita a esercitare la massima pressione sulla Corea del Nord perché il paese cambi la sua politica ed è intenzionato a collaborare con la Russia per arrivare a una soluzione della crisi e alla de-nuclearizzazione della penisola coreana. Lo ha dichiarato il ministro degli Esteri giapponese, Taro Kono, in un'intervista all'agenzia Interfax. "I test nucleari della Corea del Nord e il lancio di missili balistici attraverso il territorio del Giappone - ha detto il capo della diplomazia nipponica - rappresentano una seria ed estrema minaccia, di un livello senza precedenti, per l'intera comunità internazionale. Il Giappone deve cooperare con la Russia e con tutta la comunità internazionale, al fine di risolvere questo problema". Kono ha aggiunto: "Dobbiamo, con tutti i mezzi, portare al massimo la pressione sulla Corea del Nord e far sì che cambi la sua politica". Il ministro giapponese incontrerà oggi a Mosca il suo omologo russo Serghei Lavrov, con cui ha detto che parlare anche della situazione nella penisola coreana.

#RegistrazioneFDA #PreventiveControl #ICE #pecorino #PreventiveControlsforHumanFoodRegulation #FoodSafetyPlan #BYMExportTrading #PerryJohnsonRegistrar #FSPCA #FoodSafetyPreventiveControlsAlliance #FoodSafetyModernizationAct #PreventiveControlsforHumanFood #italiansounding #FSMA #Italiansounding #FSPCAPreventativeControlsforHumanFood #Tunisia #Embargo #Olio #FCN #APHIS #coldiretti #TOR #parmiggiano #prosecco #chianti #IFS #euro #cheese #FDARegistrazione #compliance #SACE #temporaryexportmanager #Giappone #Cina #birraartigianale #logistica #nutella #Coldiretti #Russia #GamberoRosso #IRAN #TEM #registrazioneFDA #ExportUSA #TuttoFood #FoodContactSubstanceNotification #FDArenewal #exportmanager #USTTB #Food #wineexport #MadeinItalyExportinUSA #certificazioneFDA #rinnovoFDA #madeinItaly #USA #China #FDA

Featured Posts
Recent Posts
Archive

BYM! Export & Trading di Antonio Dr. Suraci - Sede Legale: Via M. Camusso, 32 - 81100 Caserta (CE) - ITALY

P. Iva: IT-04104330610 - ​Tel: +39.333.3679-697 - Fax: +39.0823.302-160

© Copyright - BYM! Export & Trading di Antonio Dr. Suraci - BYM! e Be Your Miracle! sono marchi registrati

BYM! and Be Your Miracle! are registered trademarks.      

Tutti i diritti riservati / All right reserved.

  • c-facebook
  • Twitter Classic
  • Google Classic
  • LinkedIn Social Icon